Peso da Regua – Salzades -Tarouca- barrage de Vilar

Data: 25 giugno 2020

Luogo di partenza: Peso da Regua

Luoghi intermedi: Salzedas; Tarouca; Momenta de Beira

Luogo di arrivo: Barrage de Vilar

Km percorsi: Km 72

Way points: monastero de salzedas: N 41 03.245 W7 43.534

Monastero di Tarouca: N 40 59.696 W7 44.797

Spiaggette : N40 58.376 W7 32.510

sosta notte (barrage de vilar): N 40 56.710 W7 32.594

Resoconto

Partiti nella tarda mattinata dall’area sosta, dopo il service di carico scarico, ci siamo diretti verso il monastero di Salzades. Abbiamo percorso strade secondarie in saliscendi, in mezzo alle colline di vigneti che hanno lasciato il posto alle coltivazioni di mele, prima che giungessimo al santuario.

In fase di ristrutturazione, questa costruzione del 1168 che, all’epoca era una delle più grandi del paese, al momento del nostro arrivo era chiusa e non visitabile.

Rimesso in moto il truck, abbiamo proseguito oltre, fino al monastero di San João de Tarouca di cui rimane in piedi solo una magnifica chiesa , rimaneggiata nel sec XVII, con uno splendido coro, sovrastato da un decorato organo e bellissimi azulejos presenti sia sulle pareti della chiesa che nella sacrestia.

Le rovine del monastero, caduto in disuso con l’abolizione dell’ordine religioso nel 1834, sono visibili attraverso i cancelli o visitabili, anche se non rimane molto altro che le pareti perimetrali.

Nuovamente in moto, abbiamo percorso circa 25 chilometri prima di raggiungere la diga di Vilar, una gradevole località dove fermarci a far fare un bagno ai cani e rilassarci alla vista memorabile del lago artificiale, circondato da verdi colline, e qualche casolare sparso qua e là.

Percorrendo il perimetro del lago, lungo la strada che corre bassa vicino alle acque, notiamo che ci sono diverse opportunità per fermarci ma, ovunque, ci sono altre macchine e persone che pescano o si bagnano.

E’ da un po’ che ci domandiamo se, in Portogallo, la gente lavora durante la settimana, vista l’affluenza di persone in luoghi come questo, durante i giorni feriali.

Alla fine, troviamo uno spiazzo deserto, vicino ad una chiesetta, con tavoli in pietra e postazioni per barbecue : ecco la nostra perfetta sosta per la notte!

Non abbiamo ancora parcheggiato e aperto le finestre che Odino è già in acqua, seguito dalla Nikita.

Solo Queen, più reticente al bagno, preferisce avventarsi sgrufolando come un porcellino, su avanzi di pomodori e buccia di formaggio, lasciate da qualcuno durante un pick nick.

Con un frappé di banana per merenda, mi siedo sulle rive del lago e, preso l’iPad, comincio a scrivere i resoconti degli ultimi quattro giorni : abbiate pazienza ma ero rimasta un po’ indietro!:-)

Luoghi di interesse: Monastero di Salzades e Chiesa di Tarouca; barrage de vilar

Tipo di sosta: selvaggia sulle rive del lago artificiale 4

Note: intorno al lago artificiale ci sono diverse piccole spiagge dove sostare con possibilità di balneazione

Monastero de Salzades
Monastero e chiesa di Tarouca

Chiesa di Tarouca

Barrage de Vilar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...