Sosta nella playa Muchela

Data: 31 ottobre – 3 novembre 2019

Luogo di partenza: Sosta a playa Muchela

Luoghi intermedi:

Luogo di arrivo:

Km percorsi: Km –

Spesa giornaliera: € –

Way points:sosta notte (playa muchela): N37 18.124 W1 42.714

Resoconto

Abbiamo trascorso queste giornate rimanendo nella nostra spiaggia preferita, almeno fino ad oggi, dove ci è stato possibile far giocare i cani liberi, senza il timore che arrivassero improvvisamente altri cani.

Differentemente da come ci aspettavamo, in questi giorni in cui era compreso anche il fine settimana, non sono sopraggiunte molte visite: sono qualche pescatore e un paio di coppie, che hanno trascorso in spiaggia la giornata, lasciando la baia a nostra completa disposizione, la sera.

La gioia nostra e dei cani è stata indescrivibile. Sopratutto Odino , il cane più giovane, ha potuto sfogare tutta la sua energia, lanciandosi in acqua ogni volta che desiderava e correndo in ogni dove, a caccia di grilli o lucertole. Le altre due cagne, Nikita e Queen, più anziane e posate, si sono “polleggiate” al sole, facendo quattro passi per sgranchirsi le ossa, solo quando sollecitate e mostrando un briciolo di sovraeccitazione solo al momento del pasto.

Le giornate sono trascorse così, nell’olio più totale, a goderci il sole (dai 28 ai 30 gradi), il mare, nel quale ho potuto ancora fare il bagno nonostante l’acqua un po’ freddina, e la tranquillità.

Neppure internet ci ha distolto dal “non fare assolutamente nulla” poiché la connessione non funzionava se non in alcuni punti e per pochi minuti.

Avevamo fatto la spesa e quindi, con le provviste e i serbatoi dell’acqua pieni, abbiamo goduto della spiaggia senza doverci spostare per fare spesa.

La playa di Muchela non è completamente isolata, ma occorre percorrere cinque o sei chilometri per raggiungere Villaricos, il nucleo urbano più vicino e una decina di chilometri per raggiungere la cittadina di Vera, più grande e attrezzata. Aguilas dista circa una ventina di chilometri. Ma noi ce ne siamo stati tranquilli in spiaggia. Unica distrazione è stata andare a visitare la finca limitrofa: una proprietà in vendita con un terreno enorme, perfettamente tenuto da un giardiniere che lo ha reso una specie di paradiso di piante grasse e palme, due spiaggette praticamente private poiché hanno accesso solo dalla proprietà o dal mare e una costruzione tutta da ristrutturare, su un piano solo con cinque camere, cinque bagni e un soggiorno con sala da pranzo e cucina, tutte con vista sul mare. Abbiamo sognato potesse essere il nostro “rifugio” da anziani, dove poter stare con altre coppie di amici, come ho letto che hanno fatto alcune amiche qualche tempo fa ma, il prezzo esorbitante e i costi di gestione, hanno disincantato subito le aspettative! Mi sa che a noi , quando saremo anziani, toccherà una tristissima casa di cura ( e sperem che non ci maltrattino!).

A parte le sciocchezze e i sogni infranti, in questa spiaggia siamo stati proprio bene ma, visto che siamo itineranti e non statici, è giunto il momento di partire. Domani accenderemo i motori di HungryWheels!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...