Toledo

Data: 21 – 22 aprile 2018

Luogo di partenza: Sosta a Toledo

Luoghi intermedi:

Luogo di arrivo:

Km percorsi: Km –

Spesa giornaliera: € 20+237,47

Way points: sosta notte (Toledo): N 39 51,755 W 4 00,968

Resoconto

Toledo, è una città che merita sicuramente almeno un paio di giorni per essere apprezzata in tutte le sue attrattive, oltre che per poter assaporare pienamente l’atmosfera arabeggiante che si percepisce percorrendo le strette strade che si arrampicano, su e giù, per i quartieri ebraici della città vecchia.

Dal parcheggio, nel quale siamo sistemati ai piedi della città vecchia, in entrambe le giornate di sabato e domenica , siamo partiti per la passeggiata che ci ha condotto, passando su un ponte e attraversando una delle porte della città , su per una ripida scalinata, fino ad arrivare al museo della Cruz .

Da qui ci siamo diretti verso la piazza Zocodover, la principale del paese , dove un tempo si svolgevano corride ed esecuzioni e, ai giorni nostri, è invasa da miglia di turisti che si riversano nelle pasticcerie ad acquistare prodotti tipici, il primo fra i quali è il marzapane di San Tome (costoso ma squisito, visto che, anche noi non abbiamo resistito all’acquisto!).

In entrambe le giornate abbiamo effettuato visite delle attrattive culturali della città ma anche girovagato per le strade strette, dove si fa fatica ad orientarsi ma anche dove forse, è bello perdersi e girare senza una meta precisa, apprezzando ogni particolare di tutti i vicoli che percorriamo .

Tutta la cittadina è in ottimo stato di manutenzione e, nel fine settimana, è presa d’assalto da turisti di ogni parte del mondo , anche fuori stagione , come adesso in aprile.

Decidiamo di non visitare l’interno dell’alcazar, che apprezziamo in tutta la sua mole, di giorno e di notte illuminato, dal nostro parcheggio e che, in epoca moderna, ospita il museo militare ma, ci dirigiamo verso la Cattedrale di Toledo.

Acquistato il biglietto nella “tienda” di fronte all’ingresso principale , dove viene anche fornita l’audio guida, ci siamo diretti al suo interno, scoprendo una chiesa enorme, maestosa e meravigliosa. Tante e interessanti le cappelle al suo interno, fra le quali quella dove si svolge il rito mozarabico , unico al mondo.

Spettacolare il Coro , con le sue sculture lignee, il Trasparente che lascia filtrare luce spettacolare nella chiesa , la Sacrestia dove sono custoditi famosi quadri di El Greco, Caravaggio e Tiziano ed incredibile il Tesoro , costituito da una opera fatta a mano , in oro (18 kg) e argento ( 183 kg) che viene trasportata per le vie della città durante il Corpus Christi.

La visita alla Cattedrale richiede almeno una ora e mezza che vola in un lampo !

Continuiamo la nostra scoperta della città apprezzando la Sinagoga del Transito , con un bellissimo soffitto in legno e decorazioni in stile mudejar .

Anche quella che si pensava fosse la casa di El Greco , ma in realtà non lo è stata, e che ospita una notevole collezione dei quadri dell’artista e di suoi seguaci, merita la visita che , il sabato pomeriggio e la domenica, è gratis.

Una altra visita imperdibile è il convento di San Juan de Los Reyes.

Anche in questo luogo , con l’ausilio dell’app gratuita che illustra i vari ambienti, ci si muove con interesse fra il chiostro basso, quello alto , i giardini e la chiesa . Fantastico lo stile tardo gotico del chiostro basso e quello mudejar del piano superiore dove, soffitti in legno decorati compensano la carenza di decorazioni, invece presenti al piano terra. Notevole anche l’interno della chiesa francescana.

Toledo è una cittadina famosa , oltre che per i dolci di mandorle, anche per spade e coltelli.

Pare che qui si trovino lavorazioni di coltelli impareggiabili in tutta la Spagna e colpisce anche la bellezza degli oggetti realizzati con fili di oro battuti nell’acciaio annerito , lavorazione chiamata “damascheria”.

Aggirandoci fra le strade tortuose della città, veniamo attirati dalle vetrine che espongono vere e proprie opere d’arte e, alla fine , decidiamo di acquistare un coltello della Muela che, a dire del venditore , è realizzato con il miglior acciaio del mondo . Un regalo, in anticipo, al mio maritino, per il nostro decimo anniversario.

In entrambe le giornate, abbiamo preferito girare per le strade di Toledo senza farci trascinare dai pelosi che non avrebbero potuto avere accesso nei luoghi di attrazione ma, ritornando alla base, nel pomeriggio, verso le 16, ci siamo dedicati a fare passeggiate lungo il fiume con i nostri pelosi.

Una bella ciclabile nel verde , che segue il corso d’acqua , lunga svariati chilometri ( arriva fino a Aranjuez , 50 km ) , circonda anche la parte antica di Toledo come una protezione naturale e ospita diversi volatili che sguazzano indisturbati mentre, alcune persone, gli portano pezzi di pane .

Percorriamo ogni giorno , circa 7-8 km camminando su e giù e Sabato sera, siamo stanchi per tornare in città , nonostante ci siano sicuramente attrazioni musicali , visto il palco montato nella piazza principale ma, verso le 23,30, udiamo nitidamente i botti dei fuochi artificiali sopra l’alcazar che , fortunatamente ci godiamo dal nostro truck , mentre la Niky abbaia incavolata per il rumore e Odino ignora placidamente.

Toledo: una città …con il botto !

Luoghi di interesse: Toledo : Cattedrale, Alcazar, museo El Greco, Convento San Juan del Los Reyes, Sinagoga del transito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...